Frantume III

Il silenzio è tempesta di luce che pesa.

Non so, non oso parlare

non oso, non so le cose perdute.

La parola deragliando, non consiste

perde peso, il buio che cede

ciondolando

spezza il collo alla sillaba finale

nell’ora dello sbadiglio.

Nessun re intima fermate l’esecuzione!

La parola resta sola sotto la lama,

all’alba, vanito il suono,

resta sola.

Spezzata.

Ph. Carmine Fotografie

6 pensieri su “Frantume III

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.