La Lupa

Alle prime luci dell’alba, una nebbia densa divora le coste della Sicilia.
La Lupa, così la chiamano i pescatori del messinese: solo una delle chimere intrise di storia e leggenda che popolano questa terra di miraggi.

Un serpentone di una decina di chilometri che obbliga i marinai a restare in mare, impedendo loro di scorgere il faro, rendendo impossibile il ritorno.
È il maleficio che dall’inferno i saraceni lanciavano contro la terra che li aveva scacciati.
È il grido d’aiuto dei pescatori che soffiavano nella brogna per segnalare la posizione delle imbarcazioni. Così simile a un ululato.
Spesso, si restava in mare per giorni.
Tornare era impossibile. Non vi era traccia dell’isola, all’orizzonte…

Dopo quindici anni di esilio scelto a Milano, ho deciso di tornare nella mia terra e provare a raccontarla.

Migrante è chiunque parte in cerca di qualcosa che non trova nel luogo in cui vive.

Insieme alla complicità di un altro sognatore errante, Carmine alias Old Roger, ho raccolto le voci e le storie di chi è partito, di chi è tornato e di chi ha scelto di rimanere.


Un esule, per scelta o per necessità, sa quanta disponibilità ci vuole a lasciarsi contaminare da ciò che non conosce. A fallire, cadere e ricominciare.

Sono gli eroi del quotidiano quelli che vogliamo raccontare.
Le storie degli erranti si mescolano alle voci sgangherate di folli e poeti: gente qualunque, fuori nel mondo; ma qui, alla Lupa, possono essere chiunque desiderino.

La Lupa è un miraggio, come ogni cosa in Sicilia.

La Lupa è una chimera maliosa e maledetta.

Se esiste?

Certo che esiste.

Come tutto ciò che è fatto della stessa sostanza dei sogni.

Se volete conoscerla, potete ascoltare il podcast della prima puntata a partire dal 14 agosto qui: Ep. 1 Nemo Propheta in Patria

Se volete seguire La Lupa, la trovate qui: La LupaAmici della Lupa

Siamo Glen Thistle

e Old Roger, sbattuti a riva,

scampati per un soffio alla burrasca.

Suoneremo per voi una musica improbabile, tra canti sbilenchi di pazzi e poeti.

La nota è storta, l’orchestrina sgangherata.

Servitevi al banco.

Accomodatevi.

Immagine di copertina: La Lupa, pastelli su carta

Nel post: foto di Carmine Fotografie

10 pensieri su “La Lupa

      1. infatti la mia nipotina che ha 4 anni e mezzo e che lei mi chiama Nonna Pitilla e non so perchè , mi dice sempre noi siamo fratelle nonna ! e che vuol dire fratelle? vuol dire che sei mia nonna ma anche amica e fratellina!! ahahaah per lei il femminile di fratello non esiste

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.